Autore: Redazione cdm

L’app di microblogging indiana Koo, lanciata da appena due anni, è ufficialmente diventata la seconda più grande al mondo, preceduta solo da Twitter. Nelle ultime settimane le iscrizioni hanno subito un’incredibile impennata, portando gli utenti attivi a oltre 50 milioni. Molto probabilmente il boom di nuove registrazioni è dovuto all’insoddisfazione di numerosi utenti di Twitter, che hanno deciso di abbandonare la piattaforma dopo l’acquisizione di Elon Musk. Il pulcino giallo sta veramente minacciando la sopravvivenza di quello blu? Per il momento Twitter gode ancora di un vantaggio molto consistente. Twitter vanta infatti 1.3 miliardi di account, anche se da recenti…

leggi tutto

L’influencer e modella transgender Nikita Dragun è stata arrestata lo scorso 7 novembre mentre si trovava al Goodtime Hotel di Miami Beach. Secondo quanto riferito da TMZ, primo portale a darne la notizia, la giovane sarebbe stata arrestata per disturbo alla quiete pubblica, dopo che alcuni ospiti dell’hotel avevano segnalato alla polizia musica ad alto volume e schiamazzi provenienti dalla sua camera. A Nikita sarebbe stato ripetutamente chiesto di abbassare il volume della musica, ma avrebbe ignorato ogni appello. Stando ad alcuni testimoni avrebbe anche gettato dell’acqua sul personale dell’hotel e importunato dei clienti nella piscina della struttura. Una volta…

leggi tutto

La situazione che stanno vivendo gli studenti iscritti alle Università italiane non è mai stata così traballante: la crisi economica in corso ha generato un drastico calo di nuove iscrizioni. Chi invece è già iscritto vive in una condizione di disagio economico molto preoccupante, tra l’aumento vertiginoso del prezzo degli affitti, i costi delle bollette diventati ormai insostenibili, la la scarsità delle borse di studio a disposizione e la penuria di posti letto negli alloggi d’ateneo. A essere più colpiti, come facilmente immaginabile, sono soprattutto i fuori sede appartenenti alle fasce di reddito più basse. Ma i rincari stanno mettendo…

leggi tutto

Un giovane di 20 anni ha finto di essere uno studente per farsi ospitare gratis in uno dei campus più prestigiosi degli Stati Uniti d’America. William Curry, originario di Birmingham (Alabama) ha vissuto abusivamente presso gli alloggi che l’Università di Stanford mette a disposizione per i suoi studenti fuori sede. Peccato che il 20enne non fosse iscritto a nessun corso. Per non destare sospetti, ogni volta che qualcuno gli chiedeva chi fosse, William rispondeva con una scusa diversa. Inoltre continuava a spostarsi per le aule del campus per far credere agli altri ospiti che frequentava effettivamente delle lezioni. Curry ha…

leggi tutto

Un’universitaria di 27 anni ha pagato 120 euro – tramite un bonifico bancario – per la stesura di una tesi di laurea. Purtroppo per lei la ragazza a cui si era rivolta era una truffatrice e una volta incassata la somma non le ha recapitato il testo. La 27enne, originaria di Grotte, ha quindi deciso di presentare denuncia presso la stazione dei carabinieri di Racalmuto. Paga 120 euro per una stesura della tesi di Laurea, ma non riceve niente in cambio: 28enne denunciata per truffa Stando ai quotidiani locali, i militari dell’Arma, coordinati dal comando compagnia di Canicattì, sarebbero già…

leggi tutto

Un giovane studente del Campus universitario di Savona si è accorto della presenza di una telecamera nascosta all’interno dei bagni delle studentesse. Il ragazzo, che stava utilizzando i sanitari riservati alle donne a causa di un guasto nella toilette maschile, si è accorto di un filo che penzolava dal lavabo. Tirandolo ha fatto la macabra scoperta: “Ero andato nel bagno delle donne perché quello degli uomini era chiuso. Mi sono accorto della presenza di un filo sotto il lavabo. Mi sono avvicinato e ho visto una strana luce blu e ho trovato la telecamera. L’ho staccata e l’ho fotografata, poi…

leggi tutto

La modella e influencer Carlotta Rossignoli sta facendo molto parlare di sè in questi ultimi giorni a causa di alcuni dubbi espressi dai suoi ex colleghi universitari per la rapidità con la quale è riuscita a ottenere la Laurea in Medicina. Un’opportunità che, non solo non sarebbe stata data ad altri, ma che sarebbe anche impossibile da giustificare stando alla lettera inviata dai rappresentanti del corso all’Università Vita Salute del San Raffaele. In particolare, i suoi ex colleghi si chiedono come Rossignoli abbia potuto frequentare il quinto anno insieme ai corsi e agli esami del sesto. E come abbia potuto…

leggi tutto

Dalle Filippine arriva l’ingegnosa soluzione di un insegnante agli esami copiati. Bandane, mantelli, confezioni per uova e caschi improvvisati come paraocchi per non sbirciare il compito dei propri vicini di banco. A partorire l’idea è stata Mary Joy Mundane-Ortiz, professoressa di ingegneria meccanica al Bicol University College of Engineering, istituto di Legazpi. La docente, dopo aver scoperto che il suo corso era funestato da test copiati, ha deciso di mettere in pratica alcuni metodi per scoraggiare i propri studenti. Nessun metodo tradizionale, tuttavia, si è dimostrato efficace. Così ha deciso di portare il gioco al livello successivo. Mundane-Ortiz ha spiegato…

leggi tutto

Due militanti di un gruppo di attivisti contro il cambiamento climatico, noto come “Last Generation”, hanno lanciato del purè di patate contro un dipinto di Monet. L’opera “Il Pagliaio”, esposta al museo Barberini di Potsdam (Germania), contrariamente alla Gioconda e ai Girasoli di Van Gogh recentemente oggetto di attacchi simili, non era protetta da un vetro. Al momento non è stata ancora fatta una stima dei danni. Il dipinto ultimato da Monet nel 1886 ha un valore dichiarato di 110 milioni di dollari. Fa parte di una collezione del mecenate multimiliardario Hasso Plattern ed è esposto nella mostra permanente del…

leggi tutto

Una docente dell’Università di Malaga, Yolanda De Lucchi, ha scoperto per caso un metodo molto ingegnoso utilizzato da uno dei suoi studenti per copiare il test finale del suo corso. La professoressa di Diritto Processuale stava riordinando il suo ufficio quando si è imbattuta in una scatola contenente oggetti confiscati o abbandonati dai suoi studenti durante le lezioni. Ad attirare la sua attenzione sono state alcune penne biro che a prima vista sembravano mordicchiate o piene di graffi e crepe. In realtà osservandole meglio ha scoperto che incise su di esse c’erano diversi appunti utili per il superamento dell’esame di…

leggi tutto