Il coinquilino ectoplasma

di Redazione Cdm

Il coinquilino ectoplasma

| venerdì 28 Giugno 2019 - 12:07

Comunque lui non si preoccupa della mia faccia sbigottita, mi offre una delle due birre e va sul balcone a fumare. Rientra in casa e si chiude in stanza.

Io intanto passo il pomeriggio in cucina, in modo da avere sotto controllo sia la porta della stanza del cdm che la porta di ingresso. Più tardi, verso le cinque, suona il campanello. Non essendo padrona di casa, attendo che il cdm esca dalla sua stanza per aprire. Ma non lo fa. Allora mi alzo, cerco di aprire la porta ma non posso. È chiusa a chiave.

Mi scuso con chiunque sia al campanello dicendo do aspettare due minuti, il tempo di prendere la chiave di cui sono stata munita per la mia permanenza. Vado in camera a cercare le mie chiavi e il campanello continua a suonare. Sento anche una voce. È quella del cdm. Nella sua lingua inventata chiede di fare presto, perché ha fretta. Passando in corridoio, noto che le sue scarpe – l’unico paio che possiede – sono lì.

Mi accingo così ad aprire, armeggiando con la vecchia serratura. Quando ci riesco, il cdm non è più lì. Sullo zerbino ci sono solo un paio di ciabatte.

Quella volta è scomparso per due giorni. Ci siamo accorti del suo ritorno quando una mattina in cucina abbiamo trovato una di quelle tende da campeggio che si aprono lanciandole in aria.

Ora, dopo anni, mi chiedo ancora se quel cdm fosse reale o se fosse solo un ectoplasma.

Commenta

logo-img
Il Cdm è un progetto volto a sensibilizzare la società
sul dramma della convivenza fra estranei e una risorsa per aiutare tutti i coinquilini.
Tutte le storie pubblicate in questo sito sono vere. Chi le reputa assurde non ha mai avuto un coinquilino.

info@ilcoinquilinodiemme.it

Raccontaci del tuo coinquilino:



CDM fondato nel 2012
© Tutti i diritti riservati