Storia di O.

di Redazione Cdm

Storia di O.

| venerdì 28 Giugno 2019 - 12:58

Dopo averci osservate come se stessimo dicendo qualcosa di fuori dal mondo, la cdm con tono preoccupato ci fa: “no, non posso andare a casa di O., assolutamente no. Non conosco i suoi coinquilini”.

Le cose sono andate avanti così per tutto quel lunghissimo anno di convivenza. Poi, al momento di lasciare la casa, cdm e O. sono i primi ad abbandonare la nave (ce ne andiamo tutti da quella casa PER SEMPRE) e lasciano a me e al mio compagno di sventura il compito di svuotare la casa, abbandonando ogni genere di oggetto che ritenevano inutile: sacchetti pieni di ritagli di carta e plastica (che oltre a doverli buttare devi pure perdere tempo a differenziarli) e UNA BICI NEL GIARDINO DAVANTI, di proprietà del moroso demmerda. 

Notare che la suddetta cdm per tutto l’anno ha gelosamente tenuto i rapporti con il padrone di casa, escludendoci da qualsiasi comunicazione ufficiale, perché seriamente interessata ad avere una raccomandazione per il suo successivo alloggio, documento che ha ovviamente ricevuto dato il suo “splendido lavoro con la casa”.

Un racconto di Valentina Polemica.

Commenta

logo-img
Il Cdm è un progetto volto a sensibilizzare la società
sul dramma della convivenza fra estranei e una risorsa per aiutare tutti i coinquilini.
Tutte le storie pubblicate in questo sito sono vere. Chi le reputa assurde non ha mai avuto un coinquilino.

info@ilcoinquilinodiemme.it

Raccontaci del tuo coinquilino:



CDM fondato nel 2012
© Tutti i diritti riservati